Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 aprile 2013 1 22 /04 /aprile /2013 19:02

 

AL CANCRO NON PIACE IL CAVOLO

 

Ai giorni nostri il cavolo non è che sia tanto apprezzato, anche se è presente da millenni nella storia dell’alimentazione: elogiato da Pitagora e battezzato da Ippocarate (460-377 a.C) “ortaggio dalle mille virtù” .

E’ il prototipo di una famiglia di ortaggi dette crucifere, noto ai botanici con il nome di Brassica.

Le principali varietà, che discendono dalla specie Brassica oleracea sono:

  • ·         cavolo capuccio (Brassica oleracea capitata)

 

  • ·         broccolo (Brassica oleracea italica)

 

  • ·         cavolfiore (Brassica oleracea botrytis)

 

  • ·         cavolino di Bruxelles (Brassica oleracea gemmifera)

 

  • ·         verza e vavolo nero (Brassica oleracea acephala)

Da uno studio che ha analizzato 252 casi di tumore della vescica, sviluppatasi in un campione di 47909 operatori sanitari in un periodo di 10 anni, è emerso che il consumo di cinque o più porzioni di crucifere alla settimana, in particolare di broccoli e cavoli, è in grado di ridurre del 50% il rischio di cancro della vescica, rispetto agli individui che ne consumano una porzione in meno.

Per ciò che concerne il cancro al seno, le donne cinesi che consumano più crucifere hanno un rischio dimezzato di sviluppare questo tumore rispetto a chi ne consuma minori quantità, o non ne mangia affatto.

Allo stesso modo, uno studio realizzato su 5000 svedesi indica che il consumo di una o due porzioni di crucifere al giorno è associato a una riduzione del 40% del rischio di sviluppare un tumore al seno.

Tra tutti gli ortaggi commestibili, le crucifere sono quelle che contengono la più grande varietà di molecole fitochimiche con proprietà antitumorali: glucosinolati.

 

L’importanza dei glucosinolati è determinata dalla loro capacità di liberare due classi di sostanze che possiedono una forte attività antitumorale: Isotiocianati ed indoli.

Durante la masticazione, per esempio dei broccoli, le cellule della pianta vengono frantumate e la glucorafenina, principale isotiocianato presente in questo ortaggio, viene dall’enzima mirosina trasformato in sulforafano, potente molecola antitumorale.

Il sulforafano, liberato per azione della mirosina, presente nei broccoli o nella flora intestinale, passa nel torrente circolatorio e quindi assorbito.

In altre parole, le molecole antitumorali delle crucifere sono presenti allo stadio latente negli ortaggi e vengono trasformate in sostanze antitumorali attive durante la masticazione.

La cottura in acqua per soli dieci minuti riduce del 50% la quantità di glucosinolati e dunque dovrebbe essere evitata, inoltre l’enzima mirosina è molto sensibile al calore.

Alcuni studi suggeriscono che un’altra mirosina presente a livello della flora batterica intestinale potrebbe compensare questa disattivazione dell’enzima dovuta al calore e quindi aumentare la quantità di Isotiocianati che possono essere assorbiti.

Dal punto di vista nutrizionale, i broccoli sono di gran lunga la fonte migliore di sulforafano, poiché ad ogni porzione ne fornisce 60 g.

I risultati delle ricerche indicano che il sulforafano è in grado di agire direttamente a livello delle cellule cancerose e di provocarne la morte favorenndo il processo di apoptosi ed inibendo l’angiogenesi.

Ricordiamo altri Isotiocianati ed indoli presenti nei diversi ortaggi della famiglia delle crucifere che possiedono proprietà antitumorali: il feniletil isotiocianato (PEITC), e l’indolo-3-carbinolo (I3C).

L’I3C proviene dalla degradazione della glucobrassinina, un glucosinolato che si trova specie nei broccoli e nei cavolini di Bruxelles.

Le recenti ricerche sul ruolo antitumorale dell’I3C tendono a concentrarsi sul suo impatto sul metabolismo degli estrogeni e sulla sua attitudine ad interferire con i tumori a essi legati, come quello al seno, all’endometrio e al collo dell’utero.                                                                                                                                                                                                      Sembra che sia in grado di controllare il metabolismo degli estrogeni ed inibire la crescita del tumore.


Per saperne di più:

  • ·         R. Béliveau, D. Gingras “L’alimentazione anticancro”

 

  • ·         D.T.H. Verhoeven, R.A. Goldbohm, G. van Poppel, “Epidemiological studies on Brassica vegetables and cancer rissk” , Cancer Epidemiol. Biomarkers Prev.

 

  • ·         P. Talalay, J.W. Fahey, “Phytochemicals from cruciferous plants protect aganinst cancer by modulating carcinogen metabolism”,J. Nutr., 2001

 

  • ·         S.J. London, J-M.Yuan, F-L.Chung, Y.T.Gao. “Isothiocyanates, glutathione S-transferase M1 and T1 polymorphisms, and lung-cancer risk: a prospective study og men in Shangai, China”, Lancet, 2000.

 

  • ·         D. Gingras, M. Gendron, D. Boivin, A. Moghrabi, Y. Théoret, R. Béliveau, “Induction of medulloblastoma cell apoptosis by sulforaphane, a dietary anticarcinogen from Brassica vegetables” Cancer Lett., 2004.

 

Condividi post

Repost 0
Published by Michele Boano - in Alimentazione
scrivi un commento

commenti

windows8installation.com 03/19/2014 13:20

Earlier I was not that keen to have cabbage and other leafy vegetable in my food, but now I realize the importance of having a whole some diet. If cabbage can keep cancer at bay, then I will surely have it in loads!

Michele dott. Boano 03/19/2014 22:46

Sono contento e La ringrazio molto per aver letto il mio articolo. Grazie

Mi Presento

  • : "Zona-Estetica-Benessere"
  • "Zona-Estetica-Benessere"
  • : Le lancette dell'orologio della vita non possiamo portarle indietro,ma rallentare la loro corsa attraverso una "alimentazione intelligente" ed uno stile di vita sano.
  • Contatti

Profilo

  • Michele Boano
  • Laurea in Medicina e Chirurgia, "Consultant Zone Certified", Master in "Chirurgia e Medicina Estetica", Master in "Nutrizione Umana", corsi di Medicina Estetica,Alimentazione, Omotossicologia.
  • Laurea in Medicina e Chirurgia, "Consultant Zone Certified", Master in "Chirurgia e Medicina Estetica", Master in "Nutrizione Umana", corsi di Medicina Estetica,Alimentazione, Omotossicologia.

Archivi