Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
16 marzo 2009 1 16 /03 /marzo /2009 18:17
                                                                                                                                    




Nella alimentazione Zona, importante è lo stimolo ormonale indotto dal cibo, quindi l'asse insulina-glucagone, assume una notevole valenza, perchè tiene sotto controllo la glicemia.
Quando mangiamo un piatto di pasta o un panino, vale a dire carboidrati, il glucosio passa in circolo e il nostro organismo per far si che il sangue non diventi troppo "dolce e zuccherato"invia un segnale al pancreas il quale produce insulina che trasporta il glucosio nel muscolo e nel fegato immagazzinandolo sotto forma di glicogeno e nel tessuto adiposo sotto forma di grasso di deposito.
Il controllo della glicemia è importante per la corretta funzionalità del cervello per questi motivi:
- il glucosio è l'unico carburante per il cervello ed in assenza di esso le cellule cerebrali muoiono

- il cervello a differenza di fegato, muscoli, tessuto adiposo non ha la capacità di immaggazzinare scorte di     glucosio.

Effetti dell'insulina sul metabolismo:
- promuove l'accumulo di glicogeno nel fegato, muscoli, tessuto adiposo
- deprime il consumo di grassi e proteine in favore di carboidrati, ossia spinge le cellule a bruciare carboidrati per produrre energia piuttosto che proteine e grassi
- promuove l'immagazzinamento di grassi nel tessuto adiposo

Effetti del glucagone sul metabolismo:
- promuove la liberazione del glicogeno dal fegato, che sotto forma di glucosio viene riversato nel sangue
- promuove il consumo di grassi e proteine a sfavore di carboidrati, ossia spinge le cellule a bruciare proteine e grassi per produrre energia piuttosto che carboidrati
- promuove la mobilizzazione dei grassi dai tessuti adiposi che sono disponibili per essere bruciati.

L'asse ormonale insulina-glucagone mantiene la glicemia in quanto:

a) Se la glicemia scende, il pancreas secerne glucagone che ordina al fegato di prelevare glucosio dalle sue scorte ed immetterlo in circolo.Il glucagone, inoltre, utilizza grassi e proteine come fonte energetica, predisponendo l'organismo al risparmio di glucosio.
b) Se la glicemia sale, il pancreas secerne insulina che preleva il glucosio dal sangue e lo immagazzina nel fegato e muscoli, ma poichè la capacità del fegato di immagazzinare glucosio è limitata (circa 70 grammi) i carboidrati in eccesso vengono convertiti in grasso e depositati nei tessuti adiposi. 

La quantità di insulina prodotta dipende dalla velocità con la quale la glicemia si innalza e questo innalzamento dipende dall'indice glicemico dei carboidrati e dal carico glicemico del pasto stesso.
Infatti se noi ingeriamo carboidrati a basso indice glicemico, la glicemia si alzerà gradualmente, la quantità di insulina prodotta sarà normale ed in questo caso si avrà fame dopo 4 ore e più.
Se invece ingeriamo carboidrati ad alto indice glicemico, la glicemia bruscamente si innalzerà, verrà prodotta grande quantità di insulina, che altrettanto bruscamente determinerà ipoglicemia reattiva e quindi senso di fame che giungera molto prima delle 3-4 ore ed entreremo nel "circolo vizioso della fame"

Condividi post

Repost 0
Published by boano michele - in Alimentazione "Zona"
scrivi un commento

commenti

fuel saver 11/08/2010 12:31


articolo molto dettagliato,interessante e ben argomentato. grazie


Michele Boano 11/08/2010 15:33



Grazie per aver letto e per la gentilezza.



Bellezza e Salute 10/26/2010 12:00


Grazie per l'articolo, molto bello..
http://bellezzaesalute.org/


Michele Boano 10/26/2010 12:21



Grazie a Voi per averlo letto e visto il mio blog.Grazie e buon lavoro.



lucia 05/24/2009 15:06

egr. Dottore una domanda: ho la glicemia alta,e sono in sovrappeso cosa posso fare per ridurre i terribili kg di troppo..consideri che mangio poco rispetto ai 15 kg in eccesso che ho.
Ringraziandola, attendo una sua risposta
Lucia

Boano dott. Michele 05/25/2009 16:58



Gent.ma Lucia,
per rispondere a questa domanda bisognerebbe conoscere alcune cose:
-età, attività fisica, professione
-esami ematochimici (glicemia, emoglobina glicata, TG, colesterolemia totale, HDL, LDL)
-esami ormonali
-presenza o meno di stress, ritmo sonno-veglia
-rapporti interpersonali ed affettivi.
Posso dirLe solamente di mangiare (5 volte al giorno) e non saltare alcun pasto.
Equilibrare proteine-carboidrati-grassi e consultare un nutrizionista di sua fiducia che la possa seguire.
Le auguro tante belle cose e la ringrazio.



Mi Presento

  • : "Zona-Estetica-Benessere"
  • "Zona-Estetica-Benessere"
  • : Le lancette dell'orologio della vita non possiamo portarle indietro,ma rallentare la loro corsa attraverso una "alimentazione intelligente" ed uno stile di vita sano.
  • Contatti

Profilo

  • Michele Boano
  • Laurea in Medicina e Chirurgia, "Consultant Zone Certified", Master in "Chirurgia e Medicina Estetica", Master in "Nutrizione Umana", corsi di Medicina Estetica,Alimentazione, Omotossicologia.
  • Laurea in Medicina e Chirurgia, "Consultant Zone Certified", Master in "Chirurgia e Medicina Estetica", Master in "Nutrizione Umana", corsi di Medicina Estetica,Alimentazione, Omotossicologia.

Archivi